About

Ciao!

Che tu mi abbia trovato per caso o volutamente, sono felice tu sia qui.

Mi chiamo Roberto, benvenuto sul mio sito: R-on-trip. Un raccoglitore di tutti i viaggi e le avventure in cui ho deciso di imbarcarmi, che per quanto possano rivelarsi a volte faticosi o complicati, rappresentano una parte fondamentale della mia vita.

Ho 36 anni, vivo a Pescara e sono un Geologo appassionato di viaggi e fotografia.

Content Creator free-lance, produco foto e video, oltre a dettagliati articoli e post condivisi sul mio blog e canali social, nel campo del turismo e dell’avventura, in particolare quella outdoor. La mia mano racconta solamente quel che vedono i miei occhi e le sensazioni che ogni luogo mi trasmette.

A 18 anni ho salutato la mia famiglia che viveva (e vive tuttora) in una piccola città chiamata Campobasso, in Molise (si! vi assicuro che esiste!). Pur non avendo ancora ben chiaro il mio futuro, mi sono iscritto alla facoltà di Geologia guidato dalla passione e dal mio legame quasi morboso con la natura, che nel corso degli anni si è esponenzialmente rafforzato. Terminati gli studi ho avuto la fortuna di intraprendere un percorso lavorativo fantastico, che fra le varie cose mi ha permesso di viaggiare davvero tanto. E’ così che ho deciso di unire le mie due grandi passioni: la natura e i viaggi.

Nel 2012 ho riempito lo zaino e sono partito per il mio primo viaggio in solitaria.

“Si ok…ma perchè parti da solo”?

“Ma non ti annoi”?

“E con chi parli”?

“Ma non ti senti solo”?

Queste sono solo alcune delle innumerevoli domande che mi sono sempre sentito rivolgere, e ammetto che, prima di iniziare il mio primo viaggio, me le sono poste anche io.

Ma chi l’ha detto che da soli ci si annoia? E perchè bisogna aspettare sempre di trovare qualcuno che abbia voglia di andare in un posto, e aspettare inoltre il periodo per far incastrare le tue ferie con quelle di qualcun altro?

Sono sempre stato un ragazzo abbastanza calmo e non ho mai parlato solo per il gusto di parlare. La mia grande fortuna è sicuramente quella di essere in grado di trascorrere anche intere giornate esclusivamente in compagnia della mia enorme curiosità verso il mondo, che davvero non mi fa annoiare mai. Lascio sempre un pezzo di cuore in ogni luogo che visito, e di riflesso ogni luogo riempie il mio bagaglio personale di esperienze indelebili, il che mi sembra un ottimo scambio.

Tutto quello che vivi quando viaggi da solo è davvero un’esperienza unica e difficilmente paragonabile a qualcos’altro. Personalmente credo che tutto venga vissuto in maniera amplificata; l’attesa in aeroporto, l’atterraggio, posare finalmente i piedi e gli occhi su di un posto che hai da sempre sognato. Puoi decidere cosa fare, dove andare, senza vincoli e senza compromessi. Dove mangiare, cosa mangiare, a che ora impostare la sveglia e a che ora andare a dormire. Ci sei tu, il tuo bagaglio e le tue gambe. Ci sono in realtà anche mille paure che mi accompagnano, e in parte è giusto che ci siano perchè diciamolo, ti fanno tenere gli occhi sempre aperti.

Sei libero. Libero di essere ma soprattutto di NON essere quello che non sei, quello che non vuoi.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: